Federazione Regionale Coldiretti Friuli Venezia Giulia

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

09/08/2012 - N.

VOUCHER DA SUBITO ANCHE PER I CASSAINTEGRATI

C’è una buona notizia in arrivo per i cassaintegrati: potranno, se la richiesta di Coldiretti sarà accolta, lavorare all’imminente vendemmia. Lo ha annunciato il responsabile nazionale delle politiche del lavoro della Coldiretti Romano Magrini intervenuto stamani all’abbazia di Rosazzo a un incontro sulla riforma del lavoro organizzato da Coldiretti del Fvg per gli associati delle federazioni di Udine, Gorizia e Trieste (nel pomeriggio alle 15 nella sala del cinema don Bosco a Rauscedo Magrini parlerà agli associati del pordenonese). Il condizionale è d’obbligo ma gli accordi sembrano ormai presi e la strada condivisa: si è infatti in attesa di una circolare dell’Inps che dovrà risolvere il “buco temporale” di 5 mesi apertosi a seguito di una serie di norme confuse del Governo sull’utilizzo dei voucher. “In un primo momento – ha spiegato Magrini, presentato dal direttore di Coldiretti Fvg Angelo Corsetti – il ministro Fornero, che ha lasciato incredibilmente il mondo agricolo fuori dal tavolo delle trattative, voleva abolire l’istituto dei voucher. La nostra protesta li ha costretti a fare marcia indietro, ma hanno vietato alla casalinghe e ai cassaintegrati di poterne usufruire. Una nuova protesta di Coldiretti è riuscita a ricomprendere almeno i cassaintegrati, ma il decreto sviluppo ha lasciato un buco che va dal 18 luglio al 1 gennaio, giorno in cui è previsto il loro pieno utilizzo”.

Magrini, affiancato anche dai presidenti di Coldiretti di Udine Rosanna Clocchiatti e di Gorizia Antonio Bressan e dal direttore di Coldiretti di Gorizia-Trieste Ivo Bozzato, ha illustrato i contenuti della riforma del lavoro che non modifica l’impalcatura preesistente: sono confermate le assunzioni stagionali e a termine, restano le agevolazioni contributive e non c’è stato alcun aumento dei contributi. Se Coldiretti dovesse riuscire a sbloccare l’utilizzo dei cassaintegrati da subito, insomma, la riforma è da considerare positiva per il settore dell’agricoltura.